Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

Indice articoli

E se mettessimo quell’ amplificatore?

200 W = 53 dBm quindi potenza ampli – attenuazione cavo + guadagno antenna = +53-9,5+4,5= 48 dBm irradieremmo come se andassimo con una radio di poco più di 50 W.

Qualcosa non quadra, ma non avevamo comperato l’ampli da 200 W , e i 150 mancanti che fine hanno fatto?

Semplicemente li abbiamo persi (anche qualcosina in più) sul cavo, i piccioni d’inverno ringraziano perché è caldo e non si raffreddano le zampette!!!

Cosa possiamo fare?

Beh possiamo cambiare il cavo e metterne uno migliore o cambiare l’antenna e metterne una con guadagno superiore.


Prima ipotesi: mettiamo un buon RG213 con attenuazione 8 dB 100 mt (4 dB per i nostri 50 mt)
Quindi :
radio 50W – attenuazione cavo RG213 + guadagno antenna = +47 – 4 +4,5 = 47,5 dBm.

…Miracolo stiamo trasmettendo come se avessimo comperato l’ampli da 200W avendo solo cambiato il cavo che costa sicuramente meno!!!


Seconda ipotesi, cambiamo l’ antenna e al posto della X50 mettiamo una nuova e fiammante X700 con guadagno dichiarato di 9,3 dB e lunga 7,2 mt.

Radio 50W – attenuazione cavo RG58 + guadagno antenna nuova = +47 –9.5 +9.3 = 46,8 dBm, quasi miracolo; irradiamo con poco meno del primo caso, avendo speso poco di più.


Terza ipotesi: E se cambio il cavo e l’antenna?
Potenza radio – attenuazione cavo RG213 + guadagno antenna nuova = +47 -4+9,3= 52,3 dBm ...
STRATOSFERICO, sto irradiando come se avessi una radio da 170 W circa, bè non c’è che dire e il costo dell’amplificatore me lo posso pure risparmiare e invitare a cena la mia ragazza.


E se raffrontiamo il risultato del calcolo della nostra stazione prima, e dopo la terza ipotesi? Avremmo : prima : potenza in uscita 42 dBm dopo : potenza in uscita 52,3 dBm un’incremento di circa 10dB, che assumendo ogni punto S dello smeter essere 6 dB ci indica che il corrispondente ci riceve almeno 1¾ punti S in più rispetto a prima (da S2 a S3/S4); bene, dopo essere arrivati qui sotto, vi chiederete, e che c’entrano tutti questi calcoli sulla convenienza dell’ usare il dB???

Tutti i conti che abbiamo fatto , con delle semplici addizioni e sottrazioni (potenza – attenuazione + guadagno) e che molti di noi hanno fatto direttamente a memoria e con poco sforzo, se non c’era il dB sarebbero stati :
50 W potenza apparato 8,9125 volte l’ attenuazione del cavo 2,8184 volte il guadagno dell’antenna ( potenza/attenuazione) * guadagno = (50 /8,9125) * 2,8184 = 15,8115 W valore di poco differente da quello calcolato con il dB!!!

Calcoli sicuramente non fattibili a mente, difficilmente fattibili a mano… e alcuni dati (l’attenuazione del cavo e il guadagno dell’ antenna) i costruttori li danno solo in dB!!!

Un’altra convenienza nell’ usare il dB è nell’esprimere l’attenuazione dei cavi, è molto più semplice dire che un cavo attenua 0,3 dB al metro e che 57 mt attenuano 17,1 dB, un po’ più difficile viene dire che un cavo attenua 0,93 volte al metro e 57 mt???

{mospagebreak} 

Vista la diversa impaginazione indicato la potenza irradiata da una ipotetica radio e un’ipotetico dipolo posizionati al posto della nostra antenna, tale valore è la POTENZA ERP ossia potenza effettivamente irradiata, esiste anche la potenza EIRP che è la potenza effettivamente irradiata relativa all’ antenna isotropia, dove si considera il guadagno dell’antenna sull’isotropo e non sul dipolo.

I calcoli che abbiamo fatto sulla nostra ipotetica stazione, oltre a valere in trasmissione, valgono anche in ricezione, anche lì ora riusciremo a sentire segnali di circa 10 dB più deboli, quindi anche noi i segnali che ricevevamo prima sull’ ordine di S1 ora li riceviamo S4.

Se volessimo fare le cose ancora più complicate, potremmo anche prevedere il segnale che riceverà il nostro corrispondente.

Potenza radio – attenuazione cavo + guadagno antenna nostra – attenuazione di tratta + guadagno antenna corrispondente – attenuazione cavo corrispondente

se il valore che troviamo è superiore alla sensibilità del ricevitore del corrispondente, avremo il nostro QSO.
Se no, o miglioriamo i componenti della stazione, o aspettiamo che la propagazione faccia diminuire l’attenuazione di tratta.


L' articolo e' apparso originariamente a mia firma, sul notiziario vushf  di Sandro Marziali http://www.i0jxx.it

Vai all'inizio della pagina