Valutazione attuale: 3 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella inattivaStella inattiva
 

Indice articoli

Quindi termorestringente... a casa avevo questo..

controllatina che l'aletta non sia scivolata

E termoristretto con Phon!!

non c'è l'etichetta perchè la mia stampante ha la cartuccia colore asciutta, e l'amico proprietario del regolatore, la vuole a colori!!!

Considerazioni personali:

  • non ho tenuto minimamente in considerazione le capacità interne dei vari fet! Visto la variegata popolazione di fet impiegati dalla stessa marca (ho aperto un'altro regolatore preso usato della stessa marca per mettergli  l'interruttore e anche lui usava altri fet... Un po': quello che oggi ho a più buon mercato metto!!!)
  • Secondo me un paramentro importante è la RDS (resistenza interna al fet in conduzione), perchè in base ad essa, varia proporzionalmente la potenza dissipata, (P = R * I^2) ed essendo che i fet in contenitore SO8 non hanno una resistenza termica ottima (quindi non dissipano bene la potenza P) e per ogni WATT di potenza da dissipare, aumentano la loro temperatura di circa 70°C ,quindi mi sa che meno si dissipa meglio è!
    Non ho considerato eventuali dissipazioni aggiuntive dovute alle capacità in commutazione!
  • Non so fino a che punto le piste reggeranno la corrente in piu!
  • L' aletta, più che altro mi sembra una massa di accumulo di calore, ho dei seri dubbi sulla sua capacità di dissipare...
  • I regolatori ho notato che montano normalmente come bec 2 o 3 L4941 della ST, in contenitore DPAK e come dissipatore usano lo stampato,secondo me ininfluente, temperatura massima di giunzione 150 °C, e resistenza giunzione aria 100°/W, quindi ogni regolatore puo' dissipare 1,25W, e alle normali condizioni di utilizzo 3S =11,1V con caduta di tensione 6V sono circa 210mA a integrato...

Il regolatore è stato regolarmente provato con un motore lipothec GT925 e va che è una bellezza, con assorbimento di 2 A non scalda per niente...
A fine giornata sono soddisfatto e appagato del lavoro svolto, se mi avrebbero dovuto pagare per il tempo che ho impiegato, non conveniva ripararlo, ma è ugualmente bello!!! 
PS. Ho voluto scrivere questo articolo, per essere di spunto a molti nell'intraprendere la via dell'AUTOriparazione!!!.

Link:

 L' articolo e' gia' apparso sul sito www.baronerosso.net

Vai all'inizio della pagina