Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

Indice articoli

Il sistema scr - unicable - SatCR , piu' comunemente conosciuto come il sistema usato da sky per collegare il decoder mysky (o myskyhd) alla parabola senza dover passare un secondo cavo d' antenna, e' un sistema innovativo, che stravolge il comune concetto di funzionamento dell' lnb / tuner del ricevitore.

tutto cio' che trovate qui di seguito e' estratto salla specifica tecnica AN2056 di Stmicroelectronics reperibile all' indirizzo

http://www.st.com/stonline/products/literature/an/10929.htm


normalmente siamo abituati, che possiamo collegare con un solo cavo, un solo tuner, cio' per due motivi:
la banda di ricezione dei segnali satellitari (banda Ku) che vanno da xxxxx a yyyy ghz e' troppo grande per esser trasmessa per intero sul cavo d' antenna senza subire delle forti attenuazioni in tratte di media/grande lunghezza
per meglio sfruttare lo spettro rf, vengono effettuate sulla stessa banda trasmissioni con polarizzazione sia orizzontale che verticale, raddoppiando di fatto la banda utile

cio' ha fatto si' che ogni lnb mandi giu il segnale diviso in quattro sottobande

bassa verticale
bassa orizzontale
alta verticale
alta orizzontale

quindi i nostri tuner, quando andiamo a sintonizzare un trasponder, comunicano all' lnb ( o con un sistema a toni e tensioni, o con standard diseqc) in quale banda e con quale polarizzazione si deve mettere, e poi si sintonizzano.

cio' fa' si' che per poter usare piu' decoder con una sola parabola, dobbiamo ricorrere a sistemi con illuminatori con uscite multiple, e scendere ad ogni decoder con un cavo dedicato, ma in caso vogliamo installare un certo numero di decoder (piu' di 4) diventa piu' conveniente scendere con quattro cavi, e poi installare uno switch con uscita singola per ogni decoder, lo switch si occupera' di prelevare da uno dei 4 cavi di dorsale, il segnale da noi voluto.
nel caso invece non vogliamo o non possiamo passare quattro cavi, ci viene in soccorso il sistema unicable, ove invece di mandare sul cavo di downlink tutta la semibanda relativa a quella polarizzazione, per poi sintonizzare solo una frequenza, il tuner, dialogando con l' lnb gli indica la frequenza del trasponder da sintonizzare, e la polarizzazione, e l' lnb provvede a convertire in downlink su di una ben determinata frequenza solo quel trasponder.
cosi' facendo invece di occupare piu' di un ghz di banda, per poi usarne pochi megahertz, vengono impegnati solo quei pochi megahertz lasciando libero il resto della banda per altre conversioni.
Lo standard (piu' ampio di quanto implementato dai costruttori di lnb) specifica che sullo stesso cavo possano esser convertiti fino a 8 trasponder, su relative 8 frequenze di downlink.



lo standard specifica 8 frequenze di downlink, anche se non sono state pienamente mantenute nell' implementazione hardware, quindi invece di

1284 Mhz
1400 Mhz
1516 Mhz
1632 Mhz
1748 Mhz
1864 Mhz
1980 Mhz
2096 Mhz

io sul mio lnb mi trovo implementate

1210 Mhz
1420 Mhz
1680 Mhz
2040 Mhz

in ogni caso vengono sempre identificate a partire da scr1 ........ quindi bisogna far riferimento a scr3 come la terza frequenza disponibile sul nostro lnb.

Lo standard scr , prevede principalmente due metodi di comunicazione con l' lnb

metodo A)
tramite diseqc 1.x , sistema che non prevede un dialogo bidirezionale con l' illuminatore

metodo B)
tramite diseqc 2.0, sistema che ha un dialogo bidirezionale con l' illuminatore

qui' di seguito vedremo solo il metodo A
Il diseqc e' uno standard di comunicazione via cavo d' antenna, il tuner, inietti una frequenza di 22 Khz, modulata secondo specifica, trasmettendo 5 byte di comando.

secondo il formato

primo byte secondo byte  terzo byte  quarto byte  quinto byte 
E0 /E2  diseqc slave address 5A/5B  data 1 data2

dove il primo byte  E0 o E2 sta a indicare al dispositivo slave, se vogliamo lavorare in diseqc 1.x o 2.0 e quindi anche se funzionalmente sono equivalenti, E2 richiede che ci sia una risposta  tramite il canale di ritorno del dispositivo slave.

per poter leggere la risposta nello standard diseqc 2.0 il tuner deve essere equipaggiato oltre che con hardware adeguato a far iniettare la 22 Khz sul cavo, anche con hardware che possa ascoltare tale frequenza 

i progettisti pero' hanno pensato anche ad un sistema ingegnoso su come poter avere delle semplici comunicazioni da parte dell' lnb o dello switch se il nostro tuner non implementa hardware in standard diseqc 2.0
hanno messo l' lnb in grado di generare un segnale non modulato sulla frequenza di downlink invece del segnale del trasponder , la presenza di tale segnale puo' esser letta dal tuner semplicemente leggendo il valore del segnale in ingresso, secondo la convenzione per cui la presenza di tale segnale come risposta ad un comando e' da intendersi come "risposta affermativa" all' interrogazione, inoltre per fugare qualsiasi dubbio in caso di risposta negativa, hanno ben pensato di spostare questo segnale di 24 Mhz.
cio comporta che l' interrogazione dell' lnb venga effettuata mandando un comando diseqc 1.x , e la lettura della risposta venga effettuata monitorando il livello di segnale di due frequenze, downlink e downlink+24Mhz

i comandi diseqc devono esser mandati dopo aver innalzato la tensione a 18V onde consentire il corretto funzionamento quando c'e' un power splitter di mezzo il quale blocca il ritorno della corrente continua verso gli altri ricevitori, dopo l' innalzamento della tensione bisogna attendere almeno 4 ms prima di inviare i comadi



la gestione degli lnb unicable/scr attraversa varie fasi con vari comandi, principalmente abbiamo una fase di setup (5Bh) non strettamente necessaria, ed una fase di esercizio(5Ah)


nella fase di setup, rientrano i comandi  E0 10 5B xx yy

i byte xx e yy sono cosi' divisi

byte xx

primi tre bit , numero scr

ultimi 5 bit  sottofunzione (comando)

byte yy , il significato dei bit varia in relazione al comando

i comandi sono :

ODU_SCRxSignalON

serve a mandare in trasmissione tutti le frequenze di downlink con un segnale generato internamente all' lnb, ha lo scopo di :

  • poter far sapere al decoder ove sintonizzare il tuner, sganciandolo da frequenze prefissate, e rendendolo piu' flessibile su future variazioni dello standard, o comunque compatibile con qualsiasi illuminatore non strettamente aderente alle specifiche.
  • far sapere quante frequenze di downlink supporta il nostro lnb,
  • permettere la determinazione con precisione delle due frequenze di risposta, downlink e di conseguenza downlink+24Mhz

ODU_Config

tale comando permette di interrogare l' lnb per sapere quale applicazione supporta, ossia che tipo di lnb satcr e'!

le tipologie di applicazioni supportate sono :

  • singolo scr +  legacy 01h
  • scr dualfeed (banda rf standard)
  • scr dualfeed+legacy 03h (banda rf standard)
  • quadruplo scr (banda rf standard)
  • doppio scr dualfeed (banda rf standard)
  • scr dualfeed (banda rf  espansa)
  • scr dualfeed+legacy 03h (banda rf espansa)

credo che come banda espansa si intenda, quegli illuminatori ove vi sia una sola frequenza di Lo

il mio illuminatore a questo comando risponde sempre con "falso" anche se poi si comporta come quadruplo scr!

ODU_LOFREQ

tale comando permette di interrogare l' lnb sulle frequenze di Lo utilizzabili, in virtu' del fatto che lo standard prevede di esser applicato su altre bande oltre alla banda Ku, inoltre ci e' necessario sapere quali frequenze Lo dobbiamo considerare per effettuare il calcolo del comando di sintonizzazione


nella fase di comando invece rientrano i comandi:

messa in st-by quando non serve il singolo satcr (canale di downlink)

ODU_Power_OFF

E0 10 5A xx 00

dove xx deve indicare il stacr da spegnere , selezionandolo con la tabella a seguire.

sintonizzazione del trasponder da visionare

ODU_ChannelChange "numero identificativo satcr"+"numero lnb"+"byte alto sintonia"    "byte basso sintonia"

E0 10 5A xx yy

xx e' composto da

3 bit numero scr

3 bit numero lnb

2 bit tuningbyte

i tre bit scr seguono la tabella (considerate che il valore decimale indicato e' quello dei tre bit e non dell' intero byte, l' intero byte e' riportato solo per visualizzare la posizione dei tre bit all' interno del byte)

n. scr BIN DEC HEX
scr1 00000000 0 00
scr2 00100000 1 20
scr3 01000000 2 40
scr4 01100000 3 60
scr5 10000000 4 80
scr6 10100000 5 A0
scr7 11000000 6 C0
scr8 11100000 7 E0

la selezione della banda e polarizzazione segue la tabella sottostante, i progettisti nella specifica hanno previsto la possibilita' di avere un' illuminatore dualfeed, o un satcr diseqc switch da qui' la presenza di A e B

(considerate che il valore decimale indicato e' quello dei tre bit e non dell' intero byte, l' intero byte e' riportato solo per visualizzare la posizione dei tre bit all' interno del byte)

LNB BIN DEC HEX
A low V 00000000 0 00
A high V 00000100 1 04
A low H 00001000 2 08
A high H 00001100 3 0C
B low V 00010000 4 10
B high V 00010100 5 14
B low H 00011000 6 18
B high H 00011100 7 1C

per determinare la frequenza da sintonizzare si applica la seguente formula:

tuningbyte=((freq trasponder -Flo)+Fbpf)/4 -350

quindi se volessimo ricavare il comando da inviare per sintonizzare la frequenza :

11919 V che su hotbird corrisponde al trasponder di Mediaset

tale frequenza e'  sintonizzata usando come Lo la banda alta,  quindi 10600 Mhz di Lo, e' in polarizzazione verticale, e di conseguenza avremo da prendere il valore Hex relativo al rigo high V quindi 04

se vogliamo inviarlo sul downlink relativo all' scr 2, frequenza del mio lnb 1420 Mhz, dalla tabella di sopra prenderemo il valore Hex 20

ora calcoliamo il valore di tuningbyte

((11919 - 10600)+ 1420)/4 -350 = 334,75 che arrotondiamo a 335 e convertiamo in Hex 01 4F

al valore del primo byte sommiamo i valori di scr e lo/polarizzazione quindi avremo 01 + 20 + 04 = 25 hex

quindi il comando sara' E0 10 5A 25 4F

se invece volessimo usare la frequenza scr3 1680 Mhz il risultato sarebbe 399,75 in hex 01 90

prendiamo il primo byte e lo sommiamo a scr e lo, 01 + 40 + 04 = 45

ed il comando diventa E0 10 5A 45 90

in ultimo se vogliamo scr4 2040 il comando e'   E0 10 5A  65 EA

analogamente se vogliamo ricevere  il trasponder rai

11766 verticale (banda alta) usando Lo 10600 tuning byte = 296,5 == 297  01 29  ricevuto su satcr2 freq 1420

E0 10 5A 26 97


diagnosticare le frequenze centrali di downlink

le frequenze centrali dei filtri band-pass di un lnb satcr, possono esser scoparte tramite il canale di ritorno, praticamente basta mandare il comando

ODU_SCRxSignal_ON per mettere tutti i satcr in tone mode e quindi fargli generare un tono per ogni frequenza di centro band-pass-filter

ora basta effettuare la scansione di tutta l' intera banda del tuner, quindi rilevare l' intensita' segnale tramite la lettura del valore dell' AGC (automatic gain control), farne la media, trovare dove sono gli N massimi, e dove avviene la transizione del segnale intorno alla media per realizzare il diagramma con le N frequenze centrali, e la banda utilizzata!

il comando e' : E0 10 5B xx 00

dove xx e'

primi 3 bit , numero scr  ricavabile tramite la tabella esposta nelle pagine precedenti.

restanti 5 bit , subfunction, tutti zero quindi

diagnosticare le applicazioni supportate dall' lnb scr

inviare il comando ODU_config relativo ad una frequenza di downlink, con l' application type = 1

effettuare la tone detection , e stabilire quindi se e' supportata o meno l' applicazione,

andare avanti con la diagnostica

diagnostica della frequenza LO

mandare il comando ODU_LOFREQ con il numero dell' oscillatore locale e il stacr da usare

rilevare se e' supportato o meno

scorrere tutta la tabella LO per vedere quali LO sono supportati

Vai all'inizio della pagina